DESCRITTIVO COMMERCIALE DI CASA SABINA
1. STRUTTURE
Le strutture portanti saranno in cemento armato. Lo schema strutturale prevede pilastri e setti verticali e travi e solai orizzontali di piano. I solai saranno, in parte realizzati con pannelli prefabbricati in cls tipo “predalles” o con travetti prefabbricati ed in parte in blocchi di laterizio e travetti in cemento armato con sovrastante soletta in cls. Le dimensioni, le armature e i sovraccarichi previsti per tutte le parti strutturali saranno quelle stabilite dal calcolatore delle opere in c.a. in conformità alla legislazione vigente in fase di progettazione.

2. MURATURE
I tamponamenti perimetrali fuori terra, saranno a “cassavuota”, costituiti da doppio paramento in mattoni forati. Le murature di divisione tra le unità immobiliari saranno anch’esse a “cassavuota”, con doppio paramento in mattoni forati. I divisori interni saranno in mattoni forati dello spessore di cm. 6 / 12 secondo le necessità tecniche. Le murature portanti degli scantinati e box auto saranno in cemento armato con superficie a vista, mentre le altre murature divisorie saranno in blocchetti di cemento d'adeguato spessore, stilate a vista.

3. INTONACI
Nelle autorimesse, cantine, locali tecnici e relativi disimpegni e corsie, i soffitti e le pareti non saranno intonacati. Al piano terreno ed ai piani fuori terra, le pareti ed i soffitti degli ingressi, degli sbarchi ascensori e delle scale saranno finiti al rustico o al civile, a seconda delle scelte tecniche, con successiva decorazione. Le pareti ed i soffitti delle camere, delle cucine, i disimpegni, i ripostigli ed i soggiorni saranno intonacati al “civile” con finitura con base gesso. I bagni, nelle zone libere dai rivestimenti, saranno intonacate al “civile” base cemento. Le superfici esterne, ove non sia previsto un altro rivestimento, saranno ultimate con intonaco decorato.

4. IMPERMEABILIZZAZIONI E COPERTURE
Il solaio a piano terra di copertura delle autorimesse e le altre coperture degli edifici direttamente esposte alle intemperie saranno impermeabilizzati con doppia guaina bituminosa termosaldata di spessore adeguato.

5. ISOLAMENTI
Gli isolamenti saranno realizzati in conformità alla normativa vigente in fase di progettazione ed in relazione alla classe energetica A da progetto dell’edificio. I solai a copertura degli edifici, saranno isolati con materiali idonei e con spessori adeguati alla normativa vigente in fase di progettazione. I muri perimetrali verso l’esterno, saranno principalmente isolati a “cappotto”, eseguito esternamente con materiali idonei e di spessori adeguati alla normativa vigente al momento della costruzione. In detti muri perimetrali all’interno della “cassavuota” sarà inserito un pannello con funzione di isolamento acustico. I muri a divisione tra unità immobiliari e parti comuni saranno opportunamente isolati termicamente ed acusticamente adeguatamente alla normativa vigente in fase di progettazione. Al di sotto dei sottofondi dei pavimenti interni degli alloggi sarà posato un feltro con funzione di isolamento acustico.

6. PAVIMENTI
Tutte le zone relative a box auto, corsia auto, locali tecnici, cantine e relativi disimpegni avranno pavimenti in massetto di calcestruzzo e strato superficiale con inerti antiusura . Le rampe d’accesso ai piani interrati saranno pavimentate in battuto di calcestruzzo trattato antislittamento. Negli atri di ingresso al piano terreno, sulle rampe e pianerottoli delle scale e nelle zone di sbarco ascensori a tutti i piani fuori terra sarà posato pavimento ceramico e/o lapideo. I balconi, logge e terrazze saranno pavimentati con piastrelle in gres porcellanato. I lastrici solari condominiali di copertura saranno pavimentati con quadrotte di cemento 40x40 circa con finitura superficiale in ghiaietto su piedini in plastica poggianti direttamente sull’impermeabilizzazione. I materiali da impiegare per tutte le opere suddette saranno scelti dalla Direzione Lavori. Negli alloggi i pavimenti saranno a scelta del cliente tra i materiali a campionario, con posa dritta:
- zone ingresso, soggiorni e camere in “LEGNO” del tipo “Prefinito” o “CERAMICA” in piastrelle di ceramica monocottura o gres porcellanato, lo zoccolino sarà in legno tinto noce o impiallacciato da cm. 6/7;
- cucine in “CERAMICA” in piastrelle di ceramica monocottura o gres porcellanato, lo zoccolino sarà in legno tinto noce o impiallacciato da cm. 6/7;
- bagni in “CERAMICA” in piastrelle di ceramica monocottura o gres porcellanato.

7. RIVESTIMENTI
Negli alloggi tutte le pareti dei bagni saranno rivestite, fino ad un’altezza di circa cm. 220, con piastrelle in monocottura o gres porcellanato, a scelta del cliente tra i materiali a campionario, con posa dritta.

8. OPERE IN PIETRA
Davanzali interni, davanzali esterni e soglie saranno in granito o marmo o pietra di spessore di circa cm. 3, scelti dalla Direzione Lavori.

9. OPERE IN FERRO
Le ringhiere delle scale ed i parapetti dei balconi, che non siano realizzati in muratura od in c.a., saranno realizzati con profilati metallici in ferro di disegno semplice con o senza vetri, in parte verniciate con una mano di antiruggine e due di smalto, ed in parte zincate o preverniciate. I cancelli carrai saranno realizzati in ferro profilato di disegno semplice in parte verniciati con una mano di antiruggine e due di smalto, ed in parte zincate o preverniciate. E’ previsto l’impianto di meccanizzazione per apertura e chiusura motorizzata per il cancello carraio. I grigliati saranno in profilati metallici in ferro di disegno semplice, in parte verniciate con una mano di antiruggine e due di smalto, ed in parte zincati

10. SERRAMENTI INTERNI
Le porte cantine saranno in lamiera stampata zincata. Le porte box del tipo basculante saranno in lamiera stampata zincata. Le porte dei disimpegni comuni saranno di tipo metallico preverniciate, una parte di queste porte avrà caratteristiche di tipo REI. I portoncini di ingresso degli alloggi saranno del tipo blindato di sicurezza, con falso stipite e telaio d'acciaio, anta con finitura impiallacciata Noce Tanganika, con struttura perimetrale in acciaio e pannellatura centrale in lamiera, coibentazione, serratura di sicurezza a doppia mappa, spioncino e lama anti-spiffero inferiore. I materiali da impiegare per tutte le opere suddette saranno scelti dalla Direzione Lavori. Le porte interne degli alloggi e uffici, a scelta del cliente tra quelle a campionario, saranno ad anta unica in legno tamburato, con finitura impiallacciata tipo Noce Tanganika o in laminato o laccate colore bianco, maniglia e ferramenta con finitura ottone o cromo satinato

11. SERRAMENTI ESTERNI
Tutti i serramenti esterni posti in zone comuni ai piani fuori terra saranno in parte in profilati di legno ed in parte in profilati di alluminio , a scelta della Direzione Lavori. Tutti i serramenti esterni degli alloggi saranno in profilati di legno, di colore naturale, con vetrocamera basso emissivo, con camera singola, e ove previsto avvolgibile in PVC ad azionamento manuale, i cassonetti degli avvolgibili saranno in materiale fibrolegnoso. I serramenti esterni saranno inoltre dotati di zanzariere a rullo dotate di sistema d'avvolgimento verticale comandato manualmente. I materiali da impiegare per tutte le opere suddette saranno scelti dalla Direzione Lavori

12. RIVESTIMENTI ESTERNI FACCIATE
Le facciate saranno per la maggior parte rasate e decorate, in parte rivestite con piastrelle ceramiche e/o in gres porcellanato ed in parte rivestite con elementi metallici in ferro verniciate con una mano di antiruggine e due di smalto o zincate e preverniciati. I materiali saranno scelti dalla Direzione Lavori

13. IMPIANTO ASCENSORI
Saranno installati due ascensori, come indicato dai progetti, gli impianti saranno tutti del tipo automatico a fune con accesso da tutti i piani compresi quello interrato, con portata ciascuno 6 persone, conformi alla normativa vigente in fase di progettazione con particolare riguardo alla sicurezza e dotati di impianto telefonico per le emergenze.

14. IMPIANTO IDROSANITARIO
L’impianto idrico sarà costituito da una rete principale di tubazioni alimentata dalla rete pubblica, con impianto di supressione costituito da un gruppo autoclave con uno o più serbatoi di accumulo. La rete idrica sarà realizzata con tubazioni opportunamente isolate per quelle contenenti i fluidi caldi. Ogni alloggio sarà dotato di contatore di consumo di acqua potabile fredda e calda, facente capo ad un sistema di contabilizzazione centralizzato. Negli alloggi, nel bagno principale, sarà installato un attacco per l’alimentazione acqua fredda / calda e scarico per lavatrice, mentre nelle cucine saranno installati i soli attacchi per l’alimentazione acqua fredda/calda e scarico per lavello. Nei servizi igienici degli alloggi saranno installati i seguenti apparecchi:
- lavabo in ceramica a colonna da circa cm. 60, con miscelatore monocomando;
- wc in ceramica a cacciata con sedile in plastica e cassetta da incasso;
- bidet in ceramica con miscelatore monocomando.
- piatto doccia in ceramica da circa cm. 70/75 x 70/75  con gruppo doccia con miscelatore da incasso monocomando.
Gli apparecchi igienici di colore bianco ed i rubinetti cromati saranno a scelta del cliente tra i seguenti prodotti:
- Ceramiche: Marca CERAMICA DOLOMITE serie GEMMA 2 Marca IDEAL STANDARD serie ESEDRA o TESI
- Rubinetti: Marca CERAMICA DOLOMITE serie BASE o GEMMA 2 Marca IDEAL STANDARD serie CERALINE o CERAPLAN
- Piatti doccia: Marca IDEAL STANDARD serie GEMMA 2

15. IMMOBILE GAS FREE
L’immobile è classificato come “Gas Free”, pertanto non è previsto l’allacciamento alla rete del gas e non sono previsti impianti di distribuzione del gas.

16. IMPIANTO DI RISCALDAMENTO
L’impianto di riscaldamento sarà del tipo centralizzato con allacciamento al teleriscaldamento, in centrali poste in idonei locali. L’impianto avrà distribuzione del tipo a due tubi con radiatori della IRSAP serie Tesi in acciaio a piastre nelle camere, soggiorni, cucine, disimpegni e radiatori “scalda salviette” della IRSAP serie Ares in acciaio nei bagni. Ogni alloggio sarà collegato all’impianto centralizzato di contabilizzazione per la ripartizione individuale dei consumi riferiti sia all’impianto di riscaldamento che dell’acqua sanitaria, con dotazione per ogni unità immobiliare di idonea centralina elettronica di contabilizzazione. Ogni alloggio sarà dotato di programmatore giornaliero/settimanale per la conduzione del riscaldamento. L’impianto sarà dimensionato per ottenere, nel periodo invernale, una temperatura interna in tutti i locali riscaldati, di +20 gradi Celsius, con una temperatura esterna di -6 gradi Celsius. Il dimensionamento dell’impianto e degli apparecchi sarà effettuato in funzione delle dimensioni e dispersioni di ciascun vano, secondo le disposizioni in materia di contenimento dei consumi energetici vigente al momento della progettazione. Predisposizione impianto di raffrescamento del tipo split canalizzato, che ha il pregio di avere un basso impatto estetico, in quanto risulteranno visibili, una volta eseguito l'impianto, solo delle piccole griglie, un consumo energetico contenuto e di distribuire l’aria uniformemente nei locali, pertanto non si avranno sbalzi di temperatura passando da una stanza ad un’altra.

17. IMPIANTO ELETTRICO
Gli impianti saranno eseguiti secondo le norme vigenti al momento della progettazione, secondo i criteri di installazione professionali più moderni per permettere un sicuro e facile funzionamento con esecuzione a regola d’arte. All'interno degli alloggi l’impianto sarà interamente incassato, costituito da apparecchiature e frutti della VIMAR serie Arkè , con placche in tecnopolimeri colore antracite, scelti dalla Direzione Lavori, Saranno installati, sulla copertura dell'edificio, i pannelli fotovoltaici al fine di contribuire alla produzione di energia elettrica.
Ogni alloggio e ufficio sarà dotato come minimo di:

- zona ingresso: centralina da incasso contenente dispositivi di protezione dell'impianto comprendente gli interruttori differenziali e magnetotermici. 1 centro volta, 1 Bipresa 10/16A, 1 punto Telefono;
- soggiorno: 1 centro volta, 4 Biprese 10/16A, 1 presa Telefono RJ11, 2 prese TV-SAT passanti;
- camere: 1 centro volta, 4 Biprese 10/16A, 1 presa Telefono RJ11, 1 presa TV-SAT passante;
- bagno principale: 1 centro volta, 1 Bipresa 10/16A, 1 punto luce per applique, 1 presa per lavatrice;
- secondo bagno: 1 centro volta, 1 Bipresa 10/16A, 1 punto luce per applique;
- antibagno e disimpegni: 1 centro volta, 1 Biprese 10/16A;
- cucina: 1 centro volta, 1 punto luce per applique/cappa, 4 Biprese 10/16A, 1 presa forno, 1 presa lavastoviglie, 1 presa frigo, 1 presa Telefono RJ11, 1 presa TV-SAT passante;

- almeno in un balcone: 1 plafoniera da esterno ;
- campanello esterno zona sbarco ascensore di piano con targhetta porta nome;
- impianto videocitofono tra alloggio e ingresso pedonale su via pubblica.
Saranno inoltre previsti impianti di illuminazione delle parti comuni quali corridoi cantine, atrio, vano scala, disimpegni, rampa di accesso, aree esterne verdi, ed anche delle cantine private e box auto privati. Si precisa che gli impianti delle cantine e dei box auto saranno realizzati come impianti comuni. L’impianto telefonico sarà realizzato con la sola predisposizione delle tubazioni vuote per l’infilaggio dei cavi da parte delle Aziende Telefoniche, completo di scatole e derivazioni di piano. L'impianto Televisivo sarà di tipo centralizzato, composto da antenna parabolica per la ricezione dei segnali satellitari e da antenna per la ricezione dei segnali terrestri, idoneo alla ricezione dei segnali da un satellite e dei canali terrestri digitali presenti in zona. Tutte le prese TV-SAT saranno di tipo passante tra loro, idonee alla ricezione dei segnali digitali terrestri e satellitare inoltre le prese TV-SAT del soggiorno, avranno doppia connessione al canale digitale satellitare. I materiali da impiegare per tutte le opere suddette saranno scelti dalla Direzione Lavori

18. CONTROLLO ACCESSI E IMPIANTO ALLARME
Sarà realizzato un impianto TVCC con funzione di controllo degli ingressi condominiali al piano terreno ed al piano interrato oltre all’accesso carraio alle autorimesse con telecamere a registrazione continua, con centrale, videoregistrazione e monitor di controllo. Nei vani scale e nelle corsie auto ai piani interrati, sarà realizzato un impianto di allarme ed emergenza, con posizionamenti di pulsanti di allarme e sirene, facenti capo ad una centrale di controllo.

19. IMPIANTO DI VENTILAZIONE (VMC)
Ogni alloggio sarà collegato all’impianto centralizzato di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC), dotato di recuperatore di calore, per il ricambio dell’aria degli ambienti. Composto da centrali , poste in copertura, corredate degli opportuni macchinari e canalizzazioni di distribuzione principale in cavedi e cunicoli e con distribuzione all’interno degli alloggi sottopavimento e bocchette di immissione dell’aria nelle camere e nei soggiorni ed estrazione dell’aria nei bagni e nelle cucine. Tutte le cucine saranno inoltre dotate di predisposizione con punto di immissione per l’estrazione dell’aria.

20. PREVENZIONE INCENDI
Saranno realizzate tutte le opere necessarie al fine del rispetto delle normative vigenti in fase di progettazione oltre a quanto richiesto dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

21. SISTEMAZIONI ESTERNE
Sistemazione di zone cortilizie principalmente con elementi autobloccanti di cemento ed aree a verde, con illuminazione delle aree..

22. PORTINERIA
Al piano terreno sarà realizzata una zona reception, a servizio del condominio
NOTA INFORMATIVA SCELTE E MODIFICHE
Nei casi in cui il presente Descrittivo non individui e/o avrà previsto diversi tipi e qualità di materiali, di lavorazioni e/o di manufatti, diversi sistemi d'impianti ecc., sarà facoltà della Direzione Lavori, a suo insindacabile giudizio, decidere i tipi, le qualità, le lavorazioni ed i sistemi d'impianto che riterrà più adatti. La Direzione Lavori ha facoltà di apportare alla presente descrizione ed ai disegni di progetto, in sede esecutiva ed a suo insindacabile giudizio, quelle variazioni o modifiche che riterrà necessarie per motivi tecnici, funzionali, estetici o per il rispetto delle normative.
ATTRAVERSAMENTI Le tubazioni di acqua, fognature, energia elettrica, telefoni, gas, ecc. che attraverseranno le varie unità immobiliari, saranno collocate incassate negli alloggi e uffici, ad eccezione, ad esempio delle tubazioni del gas e dei pluviali, che saranno anche posizionate a vista nei balconi e terrazzi, mentre saranno principalmente collocate in vista nelle cantine, autorimesse, corsie, disimpegni, locali tecnici, e ove altro opportuno; nelle stesse zone potranno trovarsi setti in muratura, in calcestruzzo o strutture metalliche.
PAVIMENTI E RIVESTIMENTI
Tutti i materiali per la realizzazione di pavimenti e rivestimenti, siano essi lignei o ceramici, saranno soggetti alle seguenti prescrizioni: - I pesi, le dimensioni, le capacità, i rendimenti, i colori, i bordi e i trattamenti superficiali e gli altri dati figuranti nei cataloghi o da altri documenti illustrativi del produttore, così come le caratteristiche dei campioni, hanno carattere di indicazioni approssimative. Pertanto si precisa che in particolare le tonalità di colore, le dimensioni, la calibratura e planarità dei pavimenti e rivestimenti nonché i bordi ed il trattamento superficiale potranno risultare differenti dalle caratteristiche apparenti del campione. - La posa in opera dei pavimenti ceramici sarà eseguita con fughe di colore grigio e con larghezze delle croci non inferiori a 3 mm. per i piccoli formati fino a 6 mm. per i grandi formati. La posa a giunto unito o con ridotta larghezza di fuga è assolutamente da evitare, poiché è causa di difformità sul piano del calpestìo dovute alla creazione di “scalini” oltre alla possibilità di rotture e distacchi. - Nella posa in opera le linee di fuga che si verranno a creare tra i pavimenti e i rivestimenti non saranno coincidenti, in quanto la diversa calibratura delle piastrelle utilizzate, o la diversa tipologia (monocottura o porcellanato), anche se dello stesso produttore, non permettono la continuità delle fughe. Inoltre le partenze della posa in opera relative ai pavimenti potranno non coincidere con le linee di partenza dei rivestimenti. Le seguenti specifiche si riferiscono in particolar modo ai pavimenti lignei: - Il legno è un materiale naturale, con variazioni cromatiche e di venatura che rendono tutti gli elementi differenti tra loro, e con un aspetto cangiante che si modifica secondo l’angolo visivo. - Le diverse specie legnose hanno alcune caratteristiche che è conveniente conoscere. Per esempio, se esposto alla luce il Doussiè accentua le differenze cromatiche di singoli elementi originariamente uguali. Alcune specie legnose, tipo Iroko, Doussiè, Merbau, Cabreuva contengono concrezioni minerali con colorazione dal bianco al giallo limone, che tendono ad evidenziarsi maggiormente durante l’ossidazione del legno. In altri casi, come nel Rovere, sono presenti striature più lucenti chiamate “specchiature”. - Le campionature e le riproduzioni fotografiche sono indicative. Al momento della consegna il pavimento può presentare differenze rispetto a quello della campionatura. - L’umidità ambientale ottimale per i parquet va dal 45 al 60%, livelli che devono essere normalmente mantenuti nelle abitazioni per una vita più sana. La manutenzione ordinaria dei pavimenti e rivestimenti deve essere effettuata con un semplice straccio inumidito con acqua e idonei detergenti neutri, poiché l’utilizzo di alcool o solventi può danneggiare la finitura. SERRAMENTI Tutti i serramenti interni ed esterni, compresi gli accessori ed i vetri, saranno soggetti alle seguenti prescrizioni: - I pesi, le dimensioni, le capacità, i rendimenti, i colori, le forme, i trattamenti superficiali e gli altri dati figuranti nei cataloghi o da altri documenti illustrativi del produttore, così come le caratteristiche dei campioni hanno carattere di indicazioni approssimative. Per tanto si precisa che in particolare le tonalità di colore, le venature, le forme ed il trattamento superficiale potranno risultare differenti dalle caratteristiche apparenti dei campioni. La manutenzione dei serramenti siano essi interni che esterni deve essere effettuata con specifici prodotti, a tal fine si invita ad utilizzare prodotti e metodologie previste dal produttore degli stessi. Si segnala che l’utilizzo di alcool o solventi può danneggiare i manufatti. 
PLANIMETRIE, SCHEDE ED IMMAGINI
Le caratteristiche, le quote totali e parziali, le dimensioni e la posizione degli impianti e relativi apparecchi indicati nelle planimetrie, schede ed immagini sono da intendersi puramente indicative.